Escursione lago Serrù

Ho deciso, da quest’anno scriverò un articolo di blog per ogni safari fotografico fatto. Con questa simpatica terminologia, io ed un mio amico definiamo le nostre escursioni finalizzate al contatto con la natura e dedicate alla fotografia. Per il 19° safari fotografico, nello specifico di tipo “invernale”, abbiamo scelto, dopo varie ricerche, il Parco Nazionale del Gran Paradiso sul versante piemontese, in località Ceresole Reale (TO) con destinazione escursione lago Serrù.

La giornata

Escursione lago SerrùSveglia alle ore 5.30, partenza alle ore 6.15 e arrivo in loco alle ore 9.00, tutto secondo piano! Come da tradizione, parcheggiata l’auto ci siamo subito diretti al bar del paese per una colazione energizzante e poi al negozio di alimentari in quanto sapevamo che non avremmo trovato rifugi aperti lungo il cammino.

Dopo esserci informati su quale fosse la meta migliore da raggiungere (sia in termini di tempi di percorrenza sia di panorama da fotografare) e aver noleggiato un paio di ciaspole per me, siamo risaliti in auto per l’ultimo breve tratto di strada, circa 10/15 minuti, prima di iniziare l’escursione lago Serrù.

La nostra passeggiata è iniziata alle ore 10 da circa 1800 mt per terminare, con tratti più o meno ripidi, al lago Serrù a quota 2275 mt alle ore 12.30. Siamo riusciti a percorrere circa metà strada con gli scarponi invernali successivamente, dopo essere affondati nella neve fino al ginocchio per 2 / 3 volte, abbiamo preferito indossare le ciaspole.

Le splendide condizioni meteo ci hanno messo a disposizione un panorama mozzafiato della conca glaciale e delle montagne circostanti. Attraversata la piccola diga, alle 13 abbiamo deciso di pranzare a bordo del lago ghiacciato per poi muoverci lungo la riva alla ricerca di scorci e inquadrature interessanti per le nostre foto.

Escursione lago SerrùHo scattato tutte le immagini del Serrù con il mio 10-18mm, equivalenti sulla mia APS-C a un 16-28,8mm. Per questo genere di fotografie considero il grandangolo insostituibile, si riescono ad ottenere prospettive, distorsioni, profondità di campo e angoli di ripresa altrimenti impossibili con obiettivi più lunghi.

Mi è stato invece impossibile utilizzare le lunghe esposizioni, purtroppo non vi erano nuvole in cielo e nemmeno vento in grado di sospingerle qualora vi fossero state.

Alle 14.00 abbiamo deciso per il rientro, modificando leggermente il percorso dell’andata e sempre accompagnati sulla parete più assolata della montagna (non coperta da neve) da decine di camosci intenti a brucare la poca erba presente e per nulla infastiditi dal nostro passaggio, comunque sempre ad almeno un centinaio di metri di distanza.

Giunti all’auto alle 15.30 siamo ridiscesi in paese per consegnare le mie ciaspole e per la tradizionale merenda di chiusura safari. Ripartiti alle 16.15 siamo giunti a casa alle ore 19.00 dopo una bellissima giornata trascorsa in quota.

Resoconto fotografico

Ho tenuto 15 fotografie delle 155 scattate in totale.

Per il sito ho selezionato 8 immagini, le trovi a questo link.

###

Le foto ti piacciono? Sei mai stato al lago Serrù in inverno? Hai delle mete da suggerirmi? Lascia il tuo commento più sotto!

Escursione lago Serrù ultima modifica: 2017-02-25T22:00:22+00:00 da Massimo Mazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.