Fotografare una sfilata di moda, cosa ho imparato

01 - Miss Mondo Trentino Alto Adige_1120Se hai avuto modo di girovagare nel mio sito oppure di leggere la sezione Chi sono sai che il genere di fotografia che prediligo è il paesaggio naturale. Tuttavia poiché mi piace la fotografia in generale questo “primo amore” è seguito da altri generi che mi affascinano come la fotografia sportiva, soprattutto moto e auto, e la fotografia di ritratto.

In particolare, nell’ultimo periodo grazie alla collaborazione con Miss Mondo Trentino Alto Adige ho avuto modo di sperimentare anche la fotografia di moda o fashion photography e di fotografare una sfilata di moda/concorso di bellezza. Di seguito i 6 principali insegnamenti che ho portato a casa da questa esperienza per me nuova e sfidante e che potrebbero tornare utili anche a te se ti affacci a questo genere.

I primi tre insegnamenti nella fase pre-sfilata/sfilata:

  1. Aspettative – In generale, le fotografie scattate ad una sfilata/concorso di bellezza servono a documentare l’evento nel migliore dei modi. Le immagini hanno dunque una loro specifica finalità, per questo motivo l’organizzatore e le modelle ripongono nel fotografo delle aspettative. Tali aspettative generano responsabilità, non scatti per portare a casa buone immagini per la tua soddisfazione personale ma per consegnare buone immagini per la soddisfazione prima di tutto dei tuoi “clienti”.
  2. Frenesia – Questo genere di fotografia è frenetico. Non c’è molto tempo per pensare, devi agire e in fretta. Le modelle escono a volte in rapida successione, alcune hanno passo più spedito di altre e se ti soffermi troppo sulla composizione dell’immagine di una di loro rischi di perdere le movenze dell’altra.
  3. Luce – La gestione della luce non è mai semplice. Se la sfilata si svolge in ambienti chiusi, generalmente questi sono poco luminosi, anche utilizzando un obiettivo ad ampia apertura (es. f/2.8) spesso non si riescono a raggiungere tempi di sicurezza per congelare la camminata della modella ed evitare il mosso. Occorre alzare gli ISO, introducendo rumore, anche perché nei limiti del possibile non amo l’uso del flash. Se invece la sfilata si svolge in ambienti aperti, per la legge di Murphy la modella sarà sicuramente in controluce con problemi di esposizione e di antiestetici flare.

.
I secondi tre insegnamenti nella fase di post-sfilata:

  1. Impazienza – Al termine dell’evento è molto facile ritrovarsi con circa un migliaio di immagini. Questo comporta un certo tempo di analisi per selezionare gli scatti migliori e per post-produrre le fotografie scelte. Ma i social network non possono aspettare, le fotografie devono essere disponibili entro poche ore per poter essere pubblicate sulla pagina Facebook dell’evento. Le stesse modelle richiedono le fotografie per poterle utilizzare sui loro profili Instagram… in altre parole se “il prima” era stato frenetico “il dopo” lo è ancora di più.
  2. Giudizio – Se scatti una fotografia ad un paesaggio o ad un’auto da corsa né il paesaggio né l’auto da corsa ti contatteranno per lamentarsi che la fotografia non gli piace. Se scatti fotografie ad una persona o a delle modelle il giudizio fa parte del gioco. Anche se puoi pensare che la persona in una certa fotografia sia venuta bene, non è detto che quella persona le pensi come te e allora devi essere pronto a rimuovere un’immagine se chi vi è ritratto te lo chiede (fortunatamente si tratta di casi isolati).
  3. Soddisfazione – Accade anche il contrario, un paesaggio o un’auto da corsa non ti faranno mai i complimenti per una foto riuscita bene ma una persona sì! Quando ti viene richiesta una fotografia e poi vedi la foto che hai scattato sulla sua pagina Facebook o sul profilo Instagram di quella persona allora capisci che la tua immagine è stata apprezzata e provi una certa soddisfazione.

.
Di sicuro però l’insegnamento più grande rimane il rapporto umano che si instaura tra le persone, tra fotografo e fotografo, tra fotografo e staff dell’evento, tra fotografo e modelle. Con la buona educazione e il rispetto reciproco ci si diverte veramente tanto!

###

Ti è capitato di passare da un genere fotografico ad uno completamente diverso? Cosa hai imparato?
Come sempre un tuo commento al post è benvenuto.

Fotografare una sfilata di moda, cosa ho imparato ultima modifica: 2018-03-07T13:33:45+00:00 da Massimo Mazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.