Per fare una bella fotografia serve un bel soggetto, sì o no?

Blog Tre Cime di Lavaredo 2Ad una prima lettura, il quesito ricorda quel pensiero di tanti fotoamatori alle prime armi che normalmente ritengono che per fare una bella fotografia sia assolutamente necessaria una bella macchina fotografica.

Sono molti, infatti, coloro che credono che una fotocamera da 5000 euro – in virtù del prezzo – permetta di scattare fotografie più belle di una fotocamera da 350 euro.

Tuttavia, mentre questa convinzione può essere facilmente confutata, basta semplicemente mettere una fotocamera da 5000 euro tra le mani di un principiante e una da 350 euro tra le mani di un professionista e vedere i risultati, trovo molto più difficile obiettare sul fatto che per fare una bella foto serva un bel soggetto.

Più volte mi sono quindi domandato: ma è proprio così? Ovviamente non esiste una risposta definitiva, perciò mi limiterò ad argomentare il mio, personale, punto di vista.

Sì, per fare una bella fotografia serve un bel soggetto!

Sebbene molti fotografi professionisti e non affermino che sia possibile ottenere belle fotografie da soggetti privi di particolare interesse, io non ne sono così convinto.

Attenzione, non sto dicendo che da soggetti “brutti” (userò “brutto” e “bello” per distinguere in modo chiaro le due situazioni) sia impossibile ottenere belle fotografie.

Sto dicendo che – da un punto di vista statistico  se prendessimo un numero significativo di immagini scattate a soggetti “brutti” (1.000, 10.000, 100.000 fotografie) molto probabilmente la maggior parte di esse sarebbero incapaci di suscitare interesse, stupore, meraviglia in chi le osserva proprio perché il soggetto è “brutto”.

Già, ma cosa sono il “brutto” e il “bello“? Mi affido alle definizioni del Vocabolario Treccani:

  • Brutto – “Che produce un’impressione estetica sgradevole, perché difettoso, sproporzionato, privo di grazia, o per altre ragioni spiacevole. (…)
  • Bello – “Che desta nell’animo, per lo più attraverso i sensi della vista o dell’udito, un’impressione esteticamente gradevole: (…)

.
“Bello” e “brutto”, come se già non lo sapessimo, hanno a che vedere con l’estetica e cosa è una fotografia (almeno per la maggioranza dei generi fotografici) se non estetica pura?

Chi ha visto alcune delle mie immagini su questo sito sa che amo scattare paesaggi e ritratti, a mio avviso i generi che puntano per eccellenza sul fattore estetico. Quando scatto mi sforzo di esaltare la bellezza del paesaggio o della modella di fronte a me attraverso la composizione, la tecnica, la luce.

Tutto è pensato in funzione di una sola cosa: rappresentare al meglio il “bello”. A volte riesco nell’intento, a volte meno.

Ti piace vincere facile, allora!

Immagino che qualcuno lo stia pensando ma è vero esattamente il contrario!

Sono convinto che fotografare il “bello” sia molto più difficile di fotografare il “brutto” perché la bellezza è un’arma a doppio taglio! Crea in chi scatta tensione, responsabilità, aspettative e purtroppo un bel soggetto non garantisce necessariamente belle foto.

Tornare a casa dopo essere stati di fronte a paesaggi mozzafiato o ad una bellissima modella e non essere soddisfatti delle proprie immagini porta la “colpa” del pessimo risultato in un’unica direzione: il fotografo!

Fotografare il “brutto”, invece, è più rilassante perché non si sbaglia mai: se la foto è “brutta” la “colpa” è negli evidenti limiti del soggetto, se la foto è “bella” grande merito al fotografo!

Immagina 2 fotografie di paesaggio, scattate entrambe in modo ineccepibile e dallo stesso fotografo, una alle Tre Cime di Lavaredo e una ad un campo di granturco in Pianura Padana… secondo te, quale immagine raccoglierebbe più consensi alla domanda Quale fotografia ti piace di più?

Ora pensa, invece, a 2 bellissime fotografie di ritratto, come prima ineccepibili e scattate dallo stesso fotografo, una raffigura me e una Brad Pitt. Se fosse votata da 1.000 donne (ma anche uomini), quale foto sarebbe additata come la più bella? Non solo Brad Pitt è infinitamente più bello di me ma è anche infinitamente più fotogenico!

Del resto, il famoso modo di dire “anche l’occhio vuole la sua parte” in fotografia – che è un’arte visiva – è più valido che mai. Un bel soggetto influisce indubbiamente sul giudizio estetico complessivo di una fotografia, del resto che una foto di una Ferrari piaccia più di una foto di una Panda non sorprende nessuno.

E allora sì, ragionando non sul singolo scatto ma sui grandi numeri, io sono assolutamente convinto che per fare una bella fotografia serva un bel soggetto! Oppure, se preferisci, se fotografi un bel soggetto hai la statistica dalla tua parte per ottenere una bella fotografia.

Attenzione però… ho detto “la statistica”, non “la matematica”.

Per fare una bella fotografia serve un bel soggetto, sì o no? ultima modifica: 2020-02-15T23:11:42+00:00 da Massimo Mazza